Tendenze arredo 2022: stili e colori per la casa

Tipologie di arredamento, tonalità più in voga e ultime tendenze dello stile etnico previste per il nuovo anno, dai colori più trendy agli stili più chic.

Materiali sostenibili e una vera e propria riscoperta della natura: ecco i due mantra principali che dominano le tendenze per l’arredamento di casa per il 2022.

Gli stili che andranno per la maggiore nel corso dei prossimi mesi dovranno basarsi su quelli che sono ormai i concetti chiave della società contemporanea, e si coniugheranno in una grande attenzione agli spazi green all’interno degli ambienti di casa, e nella ricerca di linee semplici, quasi minimaliste, per ottenere nelle varie stanze il maggior confort possibile unito alla funzionalità.

L’arredamento etnico in questo contesto si trova ad essere un elemento per tutte le stagioni, opportuno come non mai, in quanto è uno degli aspetti più importanti, soprattutto grazie all’uso dei tessuti africani wax e shweshwe, sgargianti e di classe, per conferire calore e vivacità a delle scelte stilistiche che, altrimenti, potrebbero risultare fin troppo sobrie e spoglie.

La (ri)scoperta di legno, pietra e vetro

Tra i materiali più di moda anche per il nuovo anno c’è il legno, che è peraltro uno dei prodotti che più si addicono a un arredamento in stile etnico, ad esempio grazie a statuette o lampade da utilizzare come oggetti di arredo per ambienti come una living room oppure una camera da letto.

L'uso della pietra come tendenza arredo 2022

La pietra viene sfruttata molto nelle abitazioni con un orientamento stilistico industriale, dove può venire lasciata a vista sulle pareti per ottenere un effetto di semplicità rustica, quasi “contadina”. Ovviamente può venire utilizzata anche in altri ambiti, ad esempio come base per dei ripiani in cucina.

Il vetro è molto utile per la luminosità degli ambienti, e giocare con questo materiale, anche all’interno di un contesto etnico, può creare delle fantasie colorate di grande impatto folkloristico. Senza contare che il vetro, così come il legno, è ottimo per gli elementi d’arredo, per conferire un tocco più personale alle stanze di casa.

Un nuovo anno a colori 

Tra le tinte più di moda per il 2022 c’è sicuramente il verde oliva accanto all’ocra e al blu. Sono tutti colori che richiamano ancora una volta gli ambienti naturali, e proprio per questo sono perfettamente ritrovabili nelle tonalità dei tessuti africani wax, come nei modelli Aquilone, Grano o Foliage offerti da CLOY.

Il verde oliva fornisce un aspetto molto bucolico, un country chic che mantiene comunque una certa eleganza e raffinatezza.

Il color ocra unisce i toni brillanti del giallo a una opacità più accentuata e tipica di zone desertiche ed esotiche. Da un lato è dunque ideale per gli arredamenti in stile etnico, dall’altro è anche molto più comodo in quanto consente di trovare degli ottimi abbinamenti in maniera decisamente più facile rispetto al giallo acceso.

Infine, tra gli abbinamenti più ricercati, brilla sicuramente il connubio tra blu e oro, il quale forma un mix che dona all’ambiente eleganza ma anche freschezza e naturalezza: il blu è il colore del cielo, conferisce calma, sicurezza e serenità. E, come abbiamo visto, tutto ciò che richiama i paesaggi della natura avrà una connotazione positiva nei trend di arredo del 2022.

Tessuti africani e complementi d’arredo per un inverno di tendenza

Dato che tra gli stili di moda per l’anno prossimo ha grande rilevanza quello industriale, i complementi d’arredo, anche se non soprattutto etnici, possono giocare un ruolo fondamentale per la decorazione dell’ambiente.

Largo spazio allora a ceste per il salotto; specchi per il bagno; utensili, porta pane e sottopiatti in papiro e ‘ugwafu’ per la cucina.

Vanno poi molto di moda i pouf, da utilizzare nella living room oppure in camera da letto, i quali a loro volta possono essere ricoperti dai colori sfavillanti e dalle eleganti geometrie dei tessuti africani, in particolare con le stoffe wax che sono in grado di trasformare questi elementi in oggetti caldi ed esotici, che possano farli risaltare egregiamente all’interno di uno spazio tanto grande (una delle caratteristiche fondamentali dello stile industriale).

Uno spazio per studio o lavoro

Mai come negli ultimi anni, le esigenze abitative delle persone sono una conseguenza diretta sulle tendenze d’arredo che andranno per la maggiore nel 2022.

Ad esempio, molti lavoratori sono stati e sono ancora costretti a non poter più svolgere le proprie mansioni dagli uffici aziendali, ma devono dedicarvisi da casa, operando in smart working.

Proprio per via di tutto questo, gli ambienti casalinghi si trovano a possedere un’importanza ancora maggiore, perché devono coniugare stile ed eleganza con una funzionalità di tipo professionale.

In questo contesto può essere fondamentale creare i giusti spazi in modo da poter lavorare (o studiare) all’interno di una stanza piccola, calda e accogliente, dove sia possibile partecipare ad una call di lavoro con tutti i confort del caso e con la miglior privacy possibile rispetto alle altre zone della casa.

Creare un ufficio a casa in stile etnico industriale

Qui l’uso di mobili in legno dà una maggiore raffinatezza all’insieme: l’ambiente deve essere comodo ma anche piacevole all’occhio, in modo da impressionare positivamente i nostri interlocutori.

A questo scopo è perfetto l’uso di una piccola pianta da scrivania, che non solo abbellisce la stanza ma raggiunge anche l’obiettivo di purificare l’aria, in una cesta in sisal, materiale naturale per eccellenza. Ci si può anche sbizzarrire nella scelta del tipo di pianta: bambù, cactus o areca (quest’ultima viene considerata in grado di cancellare gli effetti delle radiazioni dei dispositivi elettronici) sono solo alcune delle opzioni possibili.

La scrivania può poi vedere l’aggiunta di una lampada, fondamentale per l’illuminazione, la quale può essere anche un oggetto d’arredo etnico, a condizione che le sue forme siano tutto sommato abbastanza sobrie: va sempre tenuto a mente che stiamo allestendo una zona di lavoro, e dunque occorre trovare il giusto compromesso e il migliore equilibrio possibile per bilanciare gli elementi etnici con la concretezza necessaria ad una postazione di lavoro.

Per lo stesso motivo, anche le stoffe che utilizziamo all’interno di questa stanza devono rimanere entro certi limiti cromatici. Meglio evitare colori troppo accesi ed eccentrici, puntando invece su neutralità e semplicità, e scartando le tonalità scure per i tendaggi in modo da non compromettere la luminosità dell’ambiente.

Potrebbe anche interessarti…

Seguici su Instagram @cloy.design e su Facebook

Sii il primo a sapere le novità in casa CLOY

    Menu