Relook di casa? Scegli l’arredamento etnico!

Se vuoi cambiare lo stile di casa, rinnovare gli arredi o semplicemente trasformare uno o più ambienti, perché non scegliere l’arredamento etnico?

Scopri un nuovo mondo di fantasia, colori e vivacità che ti farà sentire come se ti trovassi ogni giorno nel Paese più esotico del mondo!

Si avvicinano le feste, un nuovo anno è alle porte. Spesso è questo il periodo giusto per apportare alcuni cambiamenti al proprio stile di vita. O magari, sotto Natale, tra doni e decorazioni, ci sentiamo semplicemente più fantasiosi e vogliamo dare sfoggio della nostra inventiva.

Nulla permette di esprimere la propria creatività in ambito domestico quanto un relook di casa ben progettato. E per chi ama i viaggi, chi è sempre in cerca di nuove emozioni o desidera vivere avventure in terre lontane, non c’è niente di meglio che far coincidere entrambe le passioni trasformando i propri ambienti con un arredamento etnico.

Intendiamoci: un relook è un “ritocco”, una serie di modifiche che possono essere più o meno invasive e radicali.

Ma non si tratta di una ristrutturazione vera e propria, che spesso si rivela lunga e stressante. È piuttosto un “restyling”, un modo di esprimere una diversa parte di noi stessi utilizzando ad esempio nuovi oggetti e complementi di arredo, come lampade, statuine particolari, tappeti e accessori vari, che conferiscano alla casa una differente personalità.

Un nuovo stile per la casa grazie ai tessuti africani

Esistono così tante culture nel mondo che possono offrire soluzioni perfette per un arredamento etnico mozzafiato tale da esprimere il gusto e il folklore di Paesi lontani nello spazio e nel tempo.

Ma forse nessuno stile è più emblematico e affascinante di quello proveniente dall’Africa.

I colori e le geometrie dei tessuti africani sono l’ideale per trasmettere il calore, la vivacità e le tradizioni secolari delle popolazioni locali. Tende, tappeti o anche solo semplici stoffe da utilizzare come fodere per un divano o una poltrona sono ciò che occorre per ravvivare i propri ambienti e per raccontare di viaggi esotici e misteriosi compiuti senza mai muoversi da casa.

Naturalmente parliamo di un relook di casa che deve non solo affascinare per la sua particolarità, ma anche essere funzionale alle nostre esigenze quotidiane. Occorre perciò dosare molto bene tutti gli elementi etnici che intendiamo utilizzare, anche considerando i nostri gusti specifici e le stanze che vogliamo riarredare.

Un relook in salotto

Se vogliamo trasformare il nostro salotto, ad esempio, può essere un’ottima scelta quella di dare sfoggio dei colori più particolari dei tessuti africani. Colori accesi e vibranti, che possano ricordare le tonalità della splendida natura del Continente Nero nel momento di un rosso tramonto che sta calando sulla Savana.

Relook salotto in stile etnico

Per seguire dei toni così caldi e intensi, una buona scelta può essere quella di proporre complementi d’arredo a loro volta molto particolari. Si può optare per un mobilio in legno decorato con incisioni o raffigurazioni dipinte di paesaggi tipici o della fauna locale, con sedie e credenze in mogano, tappeti variopinti che fungono da punto di contatto tra divano e poltrone (o pouf) rivestite dalle tipiche e sgargianti stoffe wax.

Allo stesso modo la stanza può essere riempita di oggetti etnici come statuine rituali o lampade dalle forme stravaganti. La sensazione di trovarsi in un’ambientazione esotica può risultare accentuata da una maggiore luminosità, perciò probabilmente è meglio puntare su un tendaggio leggero e dai colori molto chiari.

Relook in stile etnico per la camera da letto

Se la zona del salotto è perfetta per dare spago alla propria fantasia, il riassetto della camera da letto in stile etnico richiede invece una differente attenzione.

Il punto fondamentale consiste nel porre molta attenzione agli eccessi: parliamo infatti di un ambiente del tutto specifico, e fermo restando il fatto che ogni persona ha dei gusti e delle esigenze diverse, in senso generale in questa stanza è sempre meglio non eccedere troppo con gli arredi per non rischiare di comprometterne la funzionalità (che poi sarebbe quella di rilassarsi e di riposare in modo piacevole!).

Dunque, in questo caso è meglio non utilizzare tonalità troppo forti, quanto piuttosto dei colori un po’ più scuri e tranquilli che creino contrasto.

Partendo da questa base, poi, possiamo naturalmente sbizzarrirci con i tessuti africani, magari con le stoffe shweshwe, che hanno sempre geometrie molto particolari e colorazioni di tutti i tipi e dunque più adatte a un ambiente del genere. Possiamo usarle per ricoprire i cuscini oppure eventuali sedie o poltrone in vimini.

Per uno stile etnico che si rispetti si potrebbe inoltre scegliere il letto a baldacchino, ornato da tende leggere, meglio se di colori neutri che bilancino quelli più caldi della struttura del letto stesso.

Relook della camera da letto in stile etnico

Sicuramente quest’ultimo può essere realizzato in legno, ma anche materiali come il bambù, il giunco o il rattan sono l’ideale per un look che si ispira ai costumi di popoli lontani.

Se, come abbiamo detto, in camera da letto è meglio non usare colori troppo accesi per le pareti, i tendaggi o per i rivestimenti, allora possiamo cercare di creare un contrasto con dei tappeti particolari, oppure con oggetti etnici come lampade estrose e specchi raffinati.

Senza dimenticare di aggiungere anche dei soprammobili: se nel salotto abbiamo proposto di usare statuine rituali ed estroverse, in questo caso sono raccomandati complementi un po’ più sobri, ma comunque caratteristici, come ad esempio candele o vasi di porcellana.

Uno studio funzionale in stile etnico

In una fase di relook di casa, l’ambiente dello studio rappresenta un altro punto molto delicato che va trattato con le dovute attenzioni.

Proprio come per la camera da letto, lo studio è una zona dove occorre mantenere una certa patina di sobrietà e dove c’è bisogno di trovare la giusta concentrazione per focalizzarsi sul proprio lavoro.

Partiamo allora dall’idea di dare alle pareti una colorazione neutra, per poi andare a raggiungere il giusto equilibrio aggiungendo anche in questo caso una serie di elementi che vanno invece a richiamare lo stile etnico che stiamo utilizzando.

Un primo punto imprescindibile di uno studio è rappresentato dalla scrivania. Il legno, come abbiamo visto, è il materiale perfetto per il nostro stile. Per la scrivania occorre senza dubbio un legno molto robusto, come il mogano o il teak, che deriva da alberi tropicali.

La scrivania deve essere funzionale piuttosto che troppo elaborata, mentre la sedia può utilizzare i tessuti africani come rivestimento ed essere dunque l’elemento giusto per dare più vivacità al tono della stanza.

In uno studio non può mancare una libreria e quest’ultima può rendere più esotico l’ambiente grazie a delle geometrie particolarmente estrose.

Infine, ancora una volta, sono gli oggetti d’arredo a dover fare la differenza. In questa particolare zona della casa una lampada è senza dubbio fondamentale, per lavorare la sera o durante l’inverno. Si può sceglierne perciò un tipo particolare, che possa creare magari dei giochi di luce colorati e accattivanti.

Ceste in sisal CLOY per arredare lo studio di casa in stile etnico

Per altri complementi, come magari un portatutto che aiuta a mantenere in ordine la stanza, si può usare una cesta in sisal, materiale naturale ecocompatibile perfetto per il nostro relook casalingo in stile etnico.

Potrebbe anche interessarti…

Seguici su Instagram @cloy.design e su Facebook

Sii il primo a sapere le novità in casa CLOY

    Menu